Educazione Plurilingue

Museo di scienze naturali

Was macht ein Biologe? Welche Instrumente benutzt er? Gibt es Leben in einem Wassertropfen?
Im Naturkundemuseum untersuchten wir einen Wassertropfen, ganz nah! Über das Mikroskop erfuhren wir das wahre Wesen eines Tropfen Nass. Wie aufregend und spannend. Eine vielfältige Welt in einer so kleinen Dimension!
Diese Erfahrung hat uns tief beeindruckt.

4A al Museion

La classe 4A si è recata, nel pomeriggio di mercoledì 22 novembre, al Museion per scoprire, attraverso una serie di divertenti avventure linguistiche, alcune installazioni relative all’arte moderna presenti nella struttura.

Un tappeto volante immaginario ha trasportato i bambini e li ha fatti viaggiare attraverso tre interessanti tappe, rigorosamente in lingua inglese!

Nella prima hanno incontrato un mondo cosmico fatto di luci e di stelle danzanti, mondo da cui sono cadute sulla terra tantissime parole, anche se alcune non appartengono all’universo da cui sembrano provenire. Bisognerà rispedire, dopo un’attenta analisi delle parole in lingua inglese, quelle giuste a casa…

In un’altra tappa del percorso i bambini hanno trovato una vecchia valigia contenente tante belle cartoline da tutto il mondo. Purtroppo però il testo e la relativa immagine non corrispondevano… Quindi hanno dovuto loro trovare le giuste combinazioni tra immagini e parole inglesi!

Nella terza ed ultima tappa hanno incontrato la vecchia tartaruga Josephine. Arrivata molto tempo fa da un paese lontano ha portato con sé un messaggio in bottiglia in cui racconta del suo paese e degli oceani che ha attraversato. I bambini, attraverso materiale sensoriale ricostruiranno il suo viaggio imparando nel contempo a denominare in inglese svariati elementi che la tartaruga porta con il suo racconto.

 

 

Wir kaufen Obst und Gemüse auf dem Markt

Con le maestre ci siamo divertiti, in italiano e in tedesco, ad immaginare come può essere il mercato. Quindi abbiamo portato frutta e verdura da casa e abbiamo allestito un mercato dove potevamo fare la spesa alternandoci nei ruoli del venditore e del compratore. Il giorno dopo, per gratificarci dalla fatica, abbiamo preparato, cucinato e mangiato il minestrone e la macedonia!

Happy Halloween in 3D

Collaborare, organizzare, progettare, condividere, confrontarsi und Deutsch sprechen… ecco cosa sta alla base del nostro laboratorio delle zucche. Insieme alla Lehrerin Gertrud e alla maestra Manuela, partendo da una semplice idea disegnata su un foglio ci siamo divertiti a realizzare il progetto e a creare “unsere furchtbaren und schrecklichen Kürbisse”!

Facciamo teatro

E’ un progetto in L1 o in L2 riservato alle classi del secondo ciclo. Si avvale della collaborazione di animatori e si conclude generalmente con la realizzazione di uno spettacolo teatrale.

I contenuti vengono sviluppati attraverso i laboratori in cui all’analisi dei testi che si decidono di utilizzare, seguono momenti di rielaborazione ed espressione nel movimento, nel colore, nel segno grafico nonché improvvisazioni intorno ad immagini visive o sensoriali che si alternano a momenti di ascolto e drammatizzazione. 

36

Progetti in L1 L2 L3

Superare la tradizionale formazione monolingue, optare per una formazione pluriculturale e plurilinguistica, nel quadro di una nuova cittadinanza europea, costituisce oggi un presupposto educativo-pedagogico imprescindibile,  sul quale fondare la scelta conseguente di privilegiare le relazioni tra soggetti diversi per cultura e lingua, valorizzare le differenze, sviluppare le affinità.
Le lingue sono quindi la risorsa fondamentale per superare diffidenze ed aprire spazi per la crescita comune ed il dialogo tra le nuove generazioni.
Ciò comporta una necessaria, profonda innovazione nel clima generale della scuola, portatrice di innovazione e flessibilità nel campo della programmazione educativa e disciplinare.

METODOLOGIE
Apprendimento precoce mediante approccio ludico, insegnamento veicolare, prevalenza della lingua orale su quella scritta, cura dell’espressione orale disinibita e spontanea, incontri con coetanei di altre lingue europee, organizzazione di eventi significativi a coronamento di tutte le attività didattica programmata
Contenuti: gli stessi previsti dalle discipline che vengono coinvolte.

ELENCO PROGETTI:

  • Partnerschaften 
  • Bewegung, Koordination, Gleichgewicht”
  • Teatro
  • Soggiorni studio

Sezione con insegnamento bilingue

 (Potenziamento utilizzo veicolare del tedesco L2 ai sensi dell’allegato A punto
  2.1.1 della delibera della Giunta Provinciale n. 1193/06)

bil 1

L’approccio precoce al bilinguismo è ormai ben studiato e nell’ambito della neuro e psicolinguistica è stato dimostrato come il plurilinguismo favorisca la plasticità cerebrale dei bambini, utile per ogni tipo di apprendimento ,linguistico e non.
Nell’approccio precoce al plurilinguismo si assiste ad un maggior sviluppo dell’intelligenza dei bambini, che hanno un doppio (o triplo ) stimolo e un’ apertura maggiore ad altre e nuove  realtà. In tale approccio la lingua non è solo oggetto, ma in primo luogo veicolo di comunicazione, quindi di rapporti interpersonali, di descrizione di esperienze concrete, di cultura. Alla base del curricolo sta la convinzione che vada sviluppata una competenza linguistica trasversale, che porti ad una maggior consapevolezza linguistica ed interculturale, ma che sia inoltre strumento per uno sviluppo cognitivo, sociale, professionale.
Sulla base di questa breve premessa, dall’anno scolastico 2007/2008 la scuola primaria “M.Longon” propone ai genitori e agli alunni/alunne un percorso con apprendimento bilingue.

L’obiettivo culturale della sperimentazione è dare un insegnamento bilingue e biculturale italiano – tedesco. Questo obiettivo si realizza nelle classi formate da bambini bilingui e/o monolingui, che seguiranno un curricolo impostato sulle due lingue. Oltre alle curricolari  6 ore di tedesco L2, vi saranno altre 4 ore di insegnamento in L2 e altre due ore, nelle quali l’insegnante di L2 sarà in compresenza con l’insegnante di L1.
 
Alcune materie vengono insegnate sia in lingua italiana che in lingua tedesca. A seconda della classe e delle specifiche competenze delle insegnanti saranno:
La matematica
I linguaggi “non verbali” (educazione motoria, musicale)
Le scienze, la storia e la geografia, prioritariamente attraverso i progetti interdisciplinari previsti annualmente per le varie classi, riguardanti l’uomo e l’ambiente in cui vive (dal punto di vista territoriale,culturale ecc.)
 
Punto forte dell’insegnamento bilingue è la matematica, veicolata nella sua parte fondamentale ed essenziale nella lingua tedesca, coadiuvata da ore di matematica in lingua italiana nonché da interventi di compresenza e/o contemporaneità delle due insegnanti, con la possibilitá di lavorare in piccoli gruppi e/o attraverso attività laboratoriali. In questo modo è possibile organizzare azioni di sostegno e recupero, nonché favorire le eccellenze. 

bil2

Le sezioni bilingui vengono seguite con regolari interventi di osservazione in classe e valutazione, nonché di programmazione, da due consulenti scientifiche (una per la matematica e una linguistica).
 
L’alternanza delle lingue avviene secondo il modello “una persona, una lingua”, ciò non comporterà tuttavia una rigidità nella programmazione e soprattutto nella realizzazione didattica: durante le attività di compresenza e di contemporaneità le insegnanti intervengono e comunicano con i bambini presentando modelli linguistici diversi.

bil3

Nella scelta delle discipline da impartire nella lingua tedesca e/o in quella italiana esistono alcuni vincoli di orari e di competenza che saranno oggetto di decisione collegiale.

Il percorso formativo e di istruzione è tracciato sul modello C.L.I.L. (Content and Language Integrated Learning). Attraverso l’immersione in una Seconda lingua (tedesco) o Terza Lingua (inglese), insegnata in contesti disciplinari specifici, come strumento di conoscenza “spesa” (esercitata) in situazioni reali e nell’intreccio quotidiano con la lingua italiana, o madre lingua gli alunni/le alunne sono motivati/e ad apprendere in modo qualitativo, maturano competenze personali, sviluppano forme di pensiero multilingue e pluralismo culturale.

 

La lingua è il veicolo tramite il quale i bambini deducono autonomamente i contenuti.

 

Il metodo C.L.I.L, a tutt’oggi, gode della fama di metodologia di maggiore successo per l’apprendimento linguistico. Le conoscenze che l’alunno/l’alunna ha acquisito in L2 sono a disposizione anche per la madrelingua. L’insegnamento disciplinare non ne soffre, né in qualità, né in quantità , rispetto a quanto appreso da alunni con insegnamento tradizionale.

Le ore della docente di italiano sono 22, mentre quelle della docente di tedesco 10. Il curricolo prevede poi due ore di compresenza dell’insegnante di tedesco, nonché due ore di inglese, due ore di religione, svolte da insegnanti della disciplina.

Le classi della sezione bilingue sono coinvolte anche nelle varie attività previste per le altri classi parallele (insegnamento dell’inglese, educazione ambientale e alla salute, stradale, “Teatro nelle scuole”, gemellaggi, pausa attiva, educazione motoria, festa della musica…).