Sezione con insegnamento bilingue

 (Potenziamento utilizzo veicolare del tedesco L2 ai sensi dell’allegato A punto
  2.1.1 della delibera della Giunta Provinciale n. 1193/06)

bil 1

L’approccio precoce al bilinguismo è ormai ben studiato e nell’ambito della neuro e psicolinguistica è stato dimostrato come il plurilinguismo favorisca la plasticità cerebrale dei bambini, utile per ogni tipo di apprendimento ,linguistico e non.
Nell’approccio precoce al plurilinguismo si assiste ad un maggior sviluppo dell’intelligenza dei bambini, che hanno un doppio (o triplo ) stimolo e un’ apertura maggiore ad altre e nuove  realtà. In tale approccio la lingua non è solo oggetto, ma in primo luogo veicolo di comunicazione, quindi di rapporti interpersonali, di descrizione di esperienze concrete, di cultura. Alla base del curricolo sta la convinzione che vada sviluppata una competenza linguistica trasversale, che porti ad una maggior consapevolezza linguistica ed interculturale, ma che sia inoltre strumento per uno sviluppo cognitivo, sociale, professionale.
Sulla base di questa breve premessa, dall’anno scolastico 2007/2008 la scuola primaria “M.Longon” propone ai genitori e agli alunni/alunne un percorso con apprendimento bilingue.

L’obiettivo culturale della sperimentazione è dare un insegnamento bilingue e biculturale italiano – tedesco. Questo obiettivo si realizza nelle classi formate da bambini bilingui e/o monolingui, che seguiranno un curricolo impostato sulle due lingue. Oltre alle curricolari  6 ore di tedesco L2, vi saranno altre 4 ore di insegnamento in L2 e altre due ore, nelle quali l’insegnante di L2 sarà in compresenza con l’insegnante di L1.
 
Alcune materie vengono insegnate sia in lingua italiana che in lingua tedesca. A seconda della classe e delle specifiche competenze delle insegnanti saranno:
La matematica
I linguaggi “non verbali” (educazione motoria, musicale)
Le scienze, la storia e la geografia, prioritariamente attraverso i progetti interdisciplinari previsti annualmente per le varie classi, riguardanti l’uomo e l’ambiente in cui vive (dal punto di vista territoriale,culturale ecc.)
 
Punto forte dell’insegnamento bilingue è la matematica, veicolata nella sua parte fondamentale ed essenziale nella lingua tedesca, coadiuvata da ore di matematica in lingua italiana nonché da interventi di compresenza e/o contemporaneità delle due insegnanti, con la possibilitá di lavorare in piccoli gruppi e/o attraverso attività laboratoriali. In questo modo è possibile organizzare azioni di sostegno e recupero, nonché favorire le eccellenze. 

bil2

Le sezioni bilingui vengono seguite con regolari interventi di osservazione in classe e valutazione, nonché di programmazione, da due consulenti scientifiche (una per la matematica e una linguistica).
 
L’alternanza delle lingue avviene secondo il modello “una persona, una lingua”, ciò non comporterà tuttavia una rigidità nella programmazione e soprattutto nella realizzazione didattica: durante le attività di compresenza e di contemporaneità le insegnanti intervengono e comunicano con i bambini presentando modelli linguistici diversi.

bil3

Nella scelta delle discipline da impartire nella lingua tedesca e/o in quella italiana esistono alcuni vincoli di orari e di competenza che saranno oggetto di decisione collegiale.

Il percorso formativo e di istruzione è tracciato sul modello C.L.I.L. (Content and Language Integrated Learning). Attraverso l’immersione in una Seconda lingua (tedesco) o Terza Lingua (inglese), insegnata in contesti disciplinari specifici, come strumento di conoscenza “spesa” (esercitata) in situazioni reali e nell’intreccio quotidiano con la lingua italiana, o madre lingua gli alunni/le alunne sono motivati/e ad apprendere in modo qualitativo, maturano competenze personali, sviluppano forme di pensiero multilingue e pluralismo culturale.

 

La lingua è il veicolo tramite il quale i bambini deducono autonomamente i contenuti.

 

Il metodo C.L.I.L, a tutt’oggi, gode della fama di metodologia di maggiore successo per l’apprendimento linguistico. Le conoscenze che l’alunno/l’alunna ha acquisito in L2 sono a disposizione anche per la madrelingua. L’insegnamento disciplinare non ne soffre, né in qualità, né in quantità , rispetto a quanto appreso da alunni con insegnamento tradizionale.

Le ore della docente di italiano sono 22, mentre quelle della docente di tedesco 10. Il curricolo prevede poi due ore di compresenza dell’insegnante di tedesco, nonché due ore di inglese, due ore di religione, svolte da insegnanti della disciplina.

Le classi della sezione bilingue sono coinvolte anche nelle varie attività previste per le altri classi parallele (insegnamento dell’inglese, educazione ambientale e alla salute, stradale, “Teatro nelle scuole”, gemellaggi, pausa attiva, educazione motoria, festa della musica…).